Valerio de Gioia e Adriana Pannitteri: In nome del popolo televisivo

“In nome del popolo televisivo” da Cogne ai giorni nostri – questo il titolo provocatorio del nuovo volume scritto a quattro mani dal Giudice Valerio de Gioia – magistrato presso la quarta sezione penale del Tribunale di Roma e dalla giornalista Rai del Tg1, Adriana Pannitteri.

Opera, edita da Vallecchi, che analizza attraverso una precisa ricostruzione dei fatti, i casi di cronaca più importanti di questi ultimi 20 anni che hanno segnato tanto la storia giudiziaria italiana quanto i palinsesti televisivi – inchiodando davanti il televisore milioni di telespettatori, che settimana dopo settimana, seguivano l’evoluzione degli eventi.

Tutto ha avvio il 30 gennaio 2002. L’Italia è scossa dalla cruda morte di un bambino di Cogne. La madre, Annamaria Franzoni sconterà, dopo un’indagine lunga e difficoltosa, la sua pena in misura di massimo rigore. Chi non la ricorda con lo sguardo velato e i singhiozzi nel salotto di Studio Aperto, a pochi mesi dalla morte del piccolo Samuele? Da allora in poi niente sarà più come prima, il contenitore televisivo si trasformerà in una vera e propria aula virtuale appropriandosi di un linguaggio un tempo appartenuto alle sole aule di giustizia.

 

A questo caso investigativo si uniscono altri delitti, tra i quali: Yara Gambirasio, Ciontoli, Parolisi, Carretta – fino al delitto dell’Olgiata che sembra uscito da un film di Hitchcock – tutti casi divenuti nel corso del tempo appuntamenti imprescindibili nell’ambito di contenitori e programmi televisivi caratterizzati dalla narrazione investigativa e da share di un talkshow avvincente.

La tela narrativa – cucita dalla prefazione di Massimo Bernardini e dalla postfazione di Klaud Davì – si prefigge principalmente, oltre a ripercorrere i noti casi, di evidenziare l’importanza dell’informazione e l’incidenza offerta di tali palinsesti – che diverse volte hanno fatto da apripista per la riapertura delle indagini, fornito punti di svolta per gli inquirenti in diversi processi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top 3 Stories